Strumenti accessibilità

A- A A+

SCIOPERO DELLA PAGNOTTA: Boicottiamo i prodotti rincarati

PRESIDIO DELLE ASSOCIAZIONI DAVANTI AL PARLAMENTO E NELLE PRINCIPALI CITTÁ

Giovedì 18 settembre giornata di lotta dei consumatori contro il carovita

Moratoria di prezzi e tariffe fino al 30 giugno 2009 

Le associazioni dei consumatori, tra cui Adoc, ancora una volta scendono in piazza nella lotta al carovita. I consumatori sono invitati a boicottare i prodotti che hanno registrato maggiori aumenti, per questo l’iniziativa è stata ribattezzata SCIOPERO DELLA PAGNOTTA per ricordare al Governo, al Parlamento e alle istituzioni regionali la priorità di tutelare il potere d'acquisto degli italiani. “Intendiamo richiamare l’attenzione - dichiarano i Presidenti di alcune delle  Associazioni aderenti Pileri, Lannutti, Rienzi e Trafiletti - sull’emergenza prezzi soprattutto per i generi alimentari e i prodotti energetici. Due beni primari e insostituibili, che rappresentano la spesa più considerevole per le famiglie, e che drenano risorse, comprimendo così tutti gli altri settori commerciali e produttivi, con un grave danno per l’economia del Paese. Rispetto all’anno scorso, un chilo di pane costa il 16% in più, uno di pasta il 26%. Un litro di gasolio si paga quasi il 20% in più del 2007, uno di benzina il 10%. E dal 2001 ad oggi, i prezzi sono letteralmente raddoppiati. Un saccheggio nelle tasche dei consumatori, vittime di rincari folli e speculativi”. Le associazioni promotrici dell’iniziativa invitano tutti i consumatori ad aderire, come avvenuto nei precedenti scioperi, astenendosi dall’acquistare e consumare, per l’intera giornata del 18 settembre prossimo, pane e pasta, e a risparmiare su energia elettrica, gas e carburanti.Il vademecum del consumatore per la giornata dello sciopero prevede1) Evitare di comprare pane e pasta per l’intera giornata di protesta2) Evitare, se possibile, di fare spesa di prodotti alimentari, se non locali o “km zero”3) Evitare l’utilizzo dell’automobile, se non per necessità ed emergenza4) Tenere spenti, durante la mattina del 18, tv, luci e computer5) Evitare di utilizzare, se non per emergenza, il cellulare per almeno 3 ore durante la giornata, sia per chiamate che per invio sms “Lo sciopero della pagnotta - continuano i Presidenti - deve vedere tutti gli italiani assieme, per chiedere al Governo e commercianti di cambiare registro. E lo vogliamo fare anche insieme alle altre Associazioni, che condividono il fatto di trovarci in una emergenza recessiva.”Le associazioni dei consumatori chiedono un incontro al Presidente del Consiglio per discutere di alcune proposte e per valutare la necessaria realizzazione di interventi  nei diversi settori dell’economia e interventi mirati sui carichi fiscali, soprattutto di prodotti e servizi energetici.Per quanto riguarda la città di Torino, la manifestazione si svolgerà dalle 10 alle 12 sotto la Prefettura, in piazza Castello.

Partners

regione piemonte

città di torino

camera commercio torino

adoc nazionale