30 settembre 2008

Rassegna stampa

Martedì 30 settembre 2008

Indice

Quotidiani

La Repubblica – "Stangata confermata su luce e gas, 65 euro in più a famiglia" – di A. Fon. – pag. 22

La Repubblica Torino e Prov. – "Unioncamere, valzer di poltrone" – di P. P. L. – pag. XX

La Stampa Torino e Prov. – "Sulla bici di quartiere si va in giro gratis" – di Elisa Moretti – pag. 66

La Stampa Torino e Prov – "Buoni pasto addio. Arriva la card elettronica" – di N. Ber. – pag. 71

Free Press

City – "Da domani treni senza cani, proteste al via" – pag. 6

Internet

HelpConsumatori.it – "Lehman Broters, Confconsumatori dalla parte degli utenti" –

HelpConsumatori.it – "Istat: inflazione in frenata al 3,8% a settembre" –

 

La Repubblica

Pag. 22

Stangata confermata su luce e gas, 65 euro in più a famiglia

(A. Fon.)

ROMA - A mezzogiorno, il ministro Scajola (Sviluppo Economico) attacca i «profeti di sventura» e annuncia che gli aumenti di luce e gas, anche se inevitabili, saranno più lievi delle previsioni. Sei ore dopo, l´Autorità per l´Energia ufficializza le nuove tariffe che confermano - dicono i consumatori - la mazzata annunciata. Da mercoledì, la bolletta elettrica rincarerà dello 0,8% e quella del gas del 5,8%. Da mercoledì, spenderemo quindi 3,7 euro in più per l´energia elettrica e 61,5 euro in più per il gas (per un totale di oltre 65 euro, questo nel corso di un anno). E´ l´effetto del caro, carissimo petrolio e dell´alta dipendenza dell´Italia dalle forniture estere. Anche l´Autorità, in verità, prova a sdrammatizzare. Gli aumenti per la luce e il gas (più 7,9% e più 4,4% negli ultimi mesi) «sono comunque più contenuti della spesa per il petrolio» (in crescita del 19,7% in euro). Il merito è della diminuzione delle tariffe di trasporto e distribuzione, e «del contenimento di alcuni oneri generali del sistema». La stessa Autorità apre il "paracadute" che assicurerà risparmi del 20% alle famiglie più povere. Il bonus crescerà in base alle dimensioni della famiglia (60 euro l´anno per un nucleo di 1-2 persone; 78 euro per 3-4 persone; 135 euro per 5 persone e oltre). Avrà diritto a questo aiuto chi ha un Isee (cioè un Indicatore della situazione economica) inferiore o uguale a 7.500 euro annui. «A regime, l´Autorità stima che circa 5 milioni di clienti» saranno investiti da questi benefici che scatteranno nel 2009, ma avranno un effetto retroattivo sulle bollette del 2008. Infine l´Autorità se la prende con gli istituti indipendenti che azzardano previsioni di aumenti tariffari poi non confermati nella realtà. Le associazioni Adusbef e Federconsumatori riconoscono che luce e gas crescono meno delle previsioni. Ma la situazione resta tragica perché gli aumenti di tutti gli altri trimestri generano «240 euro di spesa in più a famiglia» nel corso dell´anno. Le associazioni dei consumatori chiedono al governo, per questo, «di bloccare il carico fiscale sulle due bollette equiparando l´Iva al 10% sia per cottura cibi sia per riscaldamento». Mette le mani avanti, infine, Coldiretti. Le nuove tariffe colpiranno «tutte le attività agricole», soprattutto quelle che necessitano di luce e stufe. Il riferimento è alle serre (dove si coltivano fiori, ortaggi, funghi) e ai locali per l´allevamento. Sono queste le voci di costo che salgono di più nel settore, oltre ai concimi. E per questo Coldiretti sembra annunciare prezzi ancora in salita, tra i banchi del supermarket.

La RepubblicaTorino e Prov.

Pag. XX

Unioncamere, valzer di poltrone

(P. P. L.)

Per Unioncamere Piemonte sono giorni particolari. Massimo Deandreis, il direttore che ha contribuito in modo decisivo alla crescita dell´ente nell´ultimo decennio, lascia. Come anticipato da «Repubblica», passa alla superbanca Intesa Sanpaolo, dal primo novembre. Una scelta dettata dalla voglia di misurarsi in una sfida nuova, maturando un´importante esperienza professionale in campo privato dopo quella nel mondo camerale. I candidati più gettonati a sostituirlo sono gli stessi già indicati per il nuovo ruolo di direttore strategico del Centro Estero per l´internazionalizzazione anche se poi il presidente Camillo Venesio ha finito per scegliere un terzo nome: Paolo Trapani, direttore della società che gestisce l´aeroporto di Genova. E dunque i papabili sono Franco Amato e Roberto Daneo, due manager con un indubbio curriculum. Il primo - che, nelle voci di corridoio, viene dato per favorito - ha appena concluso l´esperienza alla Pininfarina, dove ha lavorato per un paio di anni a stretto contatto con Andrea Pininfarina. In precedenza era stato direttore generale della Regione e vicedirettore a Itp, l´agenzia per attrarre investimenti in Piemonte. Daneo, dopo l´esperienza nello staff di Torino 2006, si è guadagnato la notorietà preparando il dossier poi risultato vincente per l´Expo di Milano. Ma nel suo curriculum c´è un´esperienza pure a Bruxelles, particolare che lo avvicina al profilo di Deandreis. Due identikit che dovrebbero soddisfare le richieste di Unioncamere anche se l´esperienza Ceip insegna, può sempre spuntare un terzo nome. Ma prima di scegliere il nuovo direttore, Unioncamere Piemonte dovrà risolvere la partita per la presidenza. Renato Viale, che ha già guidato l´associazione regionale delle Camere di commercio per due mandati, sembra ancora il favorito per la poltrona più importante di via Cavour. Sulla strada però c´è un ostacolo: l´elezione del nuovo presidente dell´ente camerale alessandrino. Anche lì il nome di Viale è stato riproposto ma la rielezione non è così scontata sebbene, pare, possa confidare sulla maggioranza dei voti. A opporsi a un terzo mandato di Viale alla Camera alessandrina c´è il mondo dell´industria che in modo compatto ha proposto per la carica Piero Martinotti, ex numero uno degli imprenditori mandrogni e vice di Confindustria Piemonte. Un nome sul quale si sono trovati d´accordo l´Unione industriale, l´Api, il Collegio costruttori e l´Associazione orafa valenzana: insomma un cartello di un certo peso nell´economia della provincia. Dalla sede dell´Unione industriale ci tengono a sottolineare che la candidatura non è contro la persona, cioè Viale, «della quale c´è la massima stima», ma perché una conferma della stessa, farebbe venire meno il principio a cui il cartello si ispira: la rotazione negli incarichi: «Quindici anni sulla stessa poltrona è un po´ un incarico a vita» sostengono. Comunque, a conferma della stima nei confronti di Viale - che, peraltro, è pure lui un imprenditore, con un gruppo di oltre 500 dipendenti che spazia dall´alimentare (leggi Bistefani) alla distribuzione (la catena Dimeglio) - il cartello degli industriali si è detto pronto a nominarlo nella giunta della camera alessandrina. Un escamotage che gli permetterebbe di essere confermato al vertice di Unioncamere Piemonte, ma che comprometterebbe la vicepresidenza in Unioncamere nazionale. Il derby tra industriali casalesi (anche Martinotti è di quella città, dove guida la Mbs, azienda leader nella produzione di articoli in spugna e nido d´ape) si risolverà tra una settimana: lunedì 6 ottobre è in programma il consiglio che dovrà eleggere il nuovo (o vecchio) presidente. Poi, una volta risolta questa pratica, Viale potrà occuparsi del successore di Deandreis. Sulla sua scrivania i curriculum di Amato e Daneo ci sono già.

LA STAMPATorino e Prov.

Pag.66

Sulla bici di quartiere si va in giro gratis

(Elisa Moretti)

Santa Rita, Mirafiori Nord - Dopo che è andato deserto il bando di concorso lanciato a maggio da Palazzo Civico per realizzare a Torino il «bike sharing», la Circoscrizione 2 ha avviato un progetto simile, grazie al contributo del Programma di Iniziativa Comunitaria Urban 2. «La bicicletta non inquina, ha costi irrisori, fa bene alla salute - dice il presidente Andrea Stara -. Questa è una sfida impegnativa, ma anche una scommessa che punta a migliorare la qualità della vita dei cittadini e a diffondere una diversa, e più consapevole, cultura della mobilità». Le 52 biciclette disponibili si ritireranno da apposite rastrelliere collocate in sei punti del quartiere: Cascina Giaione, Cascina Roccafranca, Piazza Livio Bianco, Villa Amoretti, Centro Dentro di corso Siracusa 225 e Centro Giovani di via Ada Negri. Con 5 euro di caparra, gli aspiranti ciclisti riceveranno una chiave che consentirà di utilizzare le biciclette gratuitamente, ogni giorno, dalle 6 alle 24. La stessa chiavetta elettronica potrà essere utilizzata anche in altri 67 comuni in tutta Italia che hanno attivato il servizio. Una volta utilizzata, la bicicletta dovrà essere riportata nella stessa rastrelliera da cui è stata prelevata; un dispositivo elettronico rileverà eventuali infrazioni. L’obiettivo è incentivare l’uso della bicicletta all’interno del quartiere e creare un’alternativa all’uso dell’auto. Già dalla primavera del 2006 la Circoscrizione 2 si è attivata per promuovere la cultura delle due ruote, attraverso corsi pratici nelle scuole, eventi pubblici e distribuzione di materiale informativo. Molti abitanti del quartiere suggeriscono anche di migliorare la gestione di alcune piste ciclabili, come quella di via Castelgomberto, occupata dai furgoni durante i giorni di mercato, o quella di corso Rosselli, che nei tratti in cui attraversa le strade è considerata pericolosa.

LA STAMPATorino e Prov.

Pag. 71

Buoni pasto addio. Arriva la card elettronica

(N. Ber.)

SETTIMO - Settimo dà l’addio al vecchio buono pasto. Da qualche settimana è già attivo il «borsellino elettronico» dell’alunno, con il quale, attraverso una semplice ricarica, simile a quella del telefonino, le famiglie possono pagare non solo la mensa, ma anche il pre e post scuola e il trasporto. Niente più bollettini, code alle poste o costi aggiuntivi, dunque. All'inizio dell’anno scolastico le famiglie hanno ricevuto l'apposita tessera riportante i dati dell’alunno ed il codice corrispondente, che contiene tutte le informazioni (dati anagrafici, plesso scolastico e servizi attivi), che garantisce l'esatta corrispondenza tra fruito e pagato. Per ricaricarla è sufficiente recarsi in un punto autorizzato, fornire il nome e il codice ed effettuare la ricarica desiderata che sarà automaticamente accreditata. Il piccolo utente da quest’anno si reca alla mensa con la sua tessera e gli operatori passano l'apposita penna ottica, che detrae automaticamente l'importo del pasto. Tra breve sarà disponibile anche il pagamento con carta di credito. Al raggiungimento del credito, un sms ricorderà alla famiglia che la ricarica sta per finire.

City

Pag. 6

Da domani treni senza cani, proteste al via

ROMA - In vista dell’applicazione, da domani, dell’ordine di servizio di Trenitalia (consente il viaggio in treno solo ai cani il cui peso non superi i 6 chili, sempre che muniti di certificato veterinario e chiusi nei trasportini)il sottosegretario alla salute Francesca Martini oggi incontrerà l’ad Vincenzo Soprano. Trenitalia difende le disposizioni: eviterebbero degrado e sporcizia sulle carrozze. Norme "inaccettabili" per Martini; e "in contrasto con il diritto alla mobilità di milioni di possessori di cani".Anche l’associazione veterinari parla di "norme assurde, prive di fondamento scientifico" mentre la LAV invita domani alla "disobbedienza civile: salire in trenoconi cani "fuorilegge".

Help Consumatori.it

Lehman Broters, Confconsumatori dalla parte degli utenti

A fronte della dichiarazione di fallimento ("Chapter 11") della società americana Lehman&brothers il 15 settembre 2008, Confconsumatori mette a disposizione dei risparmiatori l'esperienza dei propri legali. Ad oggi, infatti - spiega l'associazione - vi è la possibilità di agire in giudizio contro gli istituti di credito che hanno venduto obbligazioni Lehman&brothers o polizze index linked connesse alla società. "Gli istituti di credito - spiegano i legali in una nota - in quanto operatori qualificati avrebbero dovuto conoscere la grave situazione finanziaria della Lehman già dal 2007. Molti investimenti sono stati fatti per lo più nel 2008, anno nel quale il gruppo americano, di mese in mese, stava andando a picco". Secondo Confconsumatori, altro presupposto su cui fare valere la responsabilità delle banche e la nullità dei contratti è l'art. 100 bis del Testo Unico Finanziario, che stabilisce l'obbligo di prospetto informativo nell'ipotesi in cui, come nel caso in questione, i bond emessi all'estero ed acquistati da investitori istituzionali (ad es. le banche), siano rivenduti ai piccoli risparmiatori nei dodici mesi successivi. Inoltre, Confconsumatori avverte i cittadini sui rischi connessi alla sottoscrizione di polizze index linked, che non sono polizze assicurative nel senso classico del termine, ma sono di fatto veri e propri investimenti finanziari privi di garanzia per il capitale, essendo direttamente collegate all'andamento del valore di un indice azionario o di un altro valore di riferimento. Risulta all'associazione che numerose polizze index linked collegate a titoli Lehman siano state fatte sottoscrivere da Istituti di credito e Compagnie di assicurazione ad ignari cittadini, convinti di aver stipulato innocue polizze vita. Alla luce di recenti sentenze favorevoli ai risparmiatori, è possibile chiedere la nullità o la risoluzione del contratto, con contestuale risarcimento danni.

Help Consumatori.it

Istat: inflazione in frenata al 3,8% a settembre

Inflazione in frenata a settembre al 3,8%. Lo rileva l'Istituto Nazionale di Statistica (Istat) che ha diffuso oggi la stima dell'indice dei prezzi al consumo (NIC) relativi al mese di settembre 2008. Il NIC ha evidenziato un calo dello 0,3% su base mensile e un incremento del 3,8% su base annuale. L'Istat rileva rallentamenti nel settore energetico (-1,1% su base mensile) e in quello alimentare. Quest'ultimo però associa al rallentamento tendenziale un incremento su base mensile dello 0.3%. Pane e cereali segnano il +10,6% contro il +12,2% del mese precedente. Su base mensile, tuttavia, il settore segna un aumento dello 0,4%. Il prezzo del pane sale dell'8,6% annuo e quello della pasta del 24,8% mentre la pasta di grano duro segna un aumento del 33,6% annuo (+1% su base congiunturale). Per quanto riguarda il prezzo dei carburanti la benzina verde scende dell'1% rispetto ad agosto. Su base tendenziale, invece, l'aumento è dell'11,5% tendenziale (+10,5% il mese scorso). Infine, l'Istat rileva un calo del 3,4% per il gasolio su base mensile e +19% sul 2007 (+23,8% ad agosto).